Calciopiu.net



N.V. Misericordia - Cartagine (0-0) 5-4 d.c.r. - Le pagelle

Data 6/3/2014 21:17:51 | Argomento: Terza Cat.

Ecco di seguito le pagelle della finale di "Coppa Fringuelli" fra la Vigor Misericordia e il Cartagine, terminata 5-4 ai rigori dopo che i tempi supplementari si erano...
chiusi sullo 0-0, a cura dei nostri inviati al campo di Montelupo Fiorentino.

IL TABELLINO
N.V. MISERICORDIA: Mugnai, Conti, Perini, Pini, Lapi, Fabbrini, Monini, Bellini, Salvadori (46' Alterini), Tirinnanzi, Vivoli (51' Zolfanelli). A disp.: Rovai, Giorgi, Pizzarelli, Viviani, Zolfanelli. All.: Ombroni.
CARTAGINE 1959: Zannotti, Costanzi (46' Ambrosini), Campanella, D'Anna, Peluso (103' Toci), Sorge, Ricci, Pesalovo, Scaccioni (98' Setti), De Marco, Safina (56' Pettirossi). A disp.: Riahi, Tintori, Ieri. All.: Mossi.
NOTE: 71' espulso D'Anna. Ammoniti Fabbrini, Zolfanelli, Viviani, Conti.

LE PAGELLE
CARTAGINE 1959
ZANNOTTI: 7+
Vero "Superman" delle uscite, Mugnai gli ruba la scena parando il rigore decisivo, ma il destino beffardo non cancella la sua gigantesca prova tra i pali.
COSTANZI: 6+ Sempre pronto al raddoppio fulmineo, scivolando prezioso ora su Vivoli, ora su Salvadori, la sua buona gara si interrompe al duplice fischio per uno stiramento. 46' Ambrosini: 6+ Calca zolle complicate, sopratutto dopo l'espulsione di D'Anna, ma riesce a calarsi rapidamente nel match senza far rimpiangere il compagno. Bravo.
CAMPANELLA: 6/7 Assieme a Ricci è chiamato a contenere il funambolo Tirinnanzi, fulcro del gioco avversario: con la sciabola più che col fioretto, si dimostra spesso all'altezza del compito.
D'ANNA: 6,5 Più che dubbio il calcio di rigore, decisamente esagerata l'espulsione seguente: una doppia pugnalata difficile da dimenticare, ma che non abbassa il nostro buon voto, perché la prestazione al centro della difesa era fino a quel momento ottima, e perché la sua gara non meritava un simile epilogo.
PELUSO: 6+ Capitano e leader carismatico dei neroverdi, parte alla grande sprizzando adrenalina da ogni poro; pian piano si eclissa, rimanendo però punto di riferimento per ogni compagno in difficoltà. 103' Toci: 5,5 Diciassette minuti a lottare coi denti per proteggere il fortino, in vista di un tiro dal dischetto che si rivelerà la sua croce. Purtroppo il calcio è anche questo, su col morale.
SORGE: 6,5 Artista, artigiano, fabbro ferraio: col pennello e con l'incudine, in mezzo al campo fa un po' tutto. E pazienza se spesso il colpo decisivo rimane in canna, se la giocata degna del suo nome non riesce, sarebbe stato difficile chiedergli di più.
RICCI: 5,5 Giovane interessante ma ancora acerbo per temperamento, la sua gara è fatta di rapide fiammate, tanta corsa preziosa in ripiegamento su Tirinnanzi, e qualche errore marchiano. Poi c'è il rigore sbagliato certo, ma quella è un'altra storia...
PESALOVO: 6+ Dal suo mancino edotto partono molti traversoni ben studiati, e in più si fa apprezzare per il continuo contributo in fase di interdizione. Cala un po' alla distanza, ma la stanchezza non gli impedisce di segnare dal dischetto.
SCACCIONI: 6 Più in vena del compagno di reparto, fino all'espulsione di D'Anna è il pericolo numero uno per la retroguardia avversaria, poi l'inferiorità numerica lo lascia senza ossigeno e rifornimenti. 98' Setti: 6+ Venti minuti di una finale che vanno a ripagarlo per il grande cuore dimostrato in tutti questi anni. Il pubblico stravede per lui.
DE MARCO: 6+ Batterie al litio anche per "Dema", da applausi per spirito di sacrificio e voglia di attaccare lo spazio fino al 120'. Manca il guizzo vincente, ma la sua gara è ottima.
SAFINA: 5,5 L'attenta marcatura di Fabbrini lo costringe a una finale da non protagonista. Lontano dall'Oscar come dalla porta avversaria, peccato. 56' Pettirossi: 6+ La sua fama lo precede, come testimonia l'entusiasmo del pubblico a ogni sua giocata. Non era al meglio e si è visto, ma pure da lui era difficile aspettarsi più di qualche giocata e tanto mestiere.

VIGOR MISERICORDIA
MUGNAI: 8 Normale amministrazione nei 120’ minuti e qualche brivido sull’intervento in due tempi stilisticamente da rivedere ma efficace su Scaccioni al 59’. Poi è decisivo nei tiri dagli undici metri, riuscendo a deviare soltanto il penalty calciato da Sorge, e parando quello decisivo di Toci distendendosi alla sua sinistra.
CONTI: 6 Bene in impostazione soprattutto nella prima parte, bada al sodo e concede solo un paio di cross dalla sua parte.
PERINI: 6,5 Un paio di diagonali essenziali per coprire le defezioni dei due centrali nello sprint, un’unica sbavatura al 110’ quando perde palla e viene graziato dal tiro fiacco di De Marco controllato da Mugnai.
PINI: 6 Parte alla grande smistando palloni con disinvoltura e provando ad impensierire Zannotti dalla lunga al 27’, poi i centrocampisti avversari prendono il sopravvento. Nella ripresa mister Ombroni se ne accorge e lo sostituisce. 72’ Viviani: 6+ Mette grinta e quantità in mezzo al campo con qualche intervento ruvido che gli costa il giallo, impeccabile il suo tiro dal dischetto.
LAPI: 7 Ci mette un po’ a prendere le misure su Scaccioni, poi lo imbriglia bene facendo il fuorigioco alto e giganteggiando nel gioco aereo. Come se non bastasse segna anche il primo rigore della lotteria finale, ma che brivido!
FABBRINI: 6- Il capitano rischia qualcosa in avvio e si prende subito un giallo che condiziona un po’ la sua prestazione. Col passare dei minuti riesce però a registrare la linea difensiva, fino alla sostituzione per infortunio. 74’ Giorgi: 6 Dura poco la sua gara costretto a uscire per infortunio, non fa rimpiangere il capitano. 105’ Germinario: 6 Ombroni gli concede pochi minuti, lui si muove bene ma non viene servito a dovere, è poi sfortunato nella carambola sull’unica uscita imprecisa di Zannotti.
MONINI: 6,5 Non si vede molto nel primo tempo anche perché i compagni prediligono l’altra fascia, ma quando la palla capita dalle sue parti si fa notare con un bel colpo di testa in anticipo di poco alto al 56’ e procurandosi il rigore (dubbio) che Alterini spreca al 71’. Dal dischetto invece lui è glaciale.
BELLINI: 7+ Parte un po’ in sordina, ma cresce in maniera esponenziale con il passare dei minuti recuperando un’infinità di palloni e dominando di testa sulla mediana. Si procura anche un paio di buone occasioni fiondandosi sulle seconde palle, ma il gol non arriva.
SALVADORI: 6- Mister Ombroni gli concede un tempo, lui si batte con abnegazione facendo a sportellate con i ruvidi centrali del Cartagine, ma non riesce a combinare gran che e rimane negli spogliatoi. 46’ Alterini: 5,5 Il suo ingresso vivacizza l’attacco dei suoi, tant’è vero che dopo pochi secondi colpisce una clamorosa traversa a porta spalancata. Sulla sua valutazione pesa però il rigore calciato sul palo al 71’. Dalla sua il coraggio di ripresentarsi sul dischetto come quarto rigorista, spiazzando con un tiro a fil di palo Zannotti.
TIRINNANZI: 6,5 Nel primo tempo è imprendibile, con le sue accelerazioni manda in tilt la difesa del Cartagine, ma è poco preciso nelle conclusioni. Nella ripresa si vede con meno frequenza, ma quando la palla passa dai suoi piedi sono guai per gli avversari. Alla lotteria dei rigori è il secondo uomo di mister Ombroni, ma il suo numero non è fortunato e il suo destro finito fuori poteva costar caro.
VIVOLI: 6- Lotta sulla mediana cercando di fare da raccordo fra centrocampo e attacco con risultati alterni. Costretto a lasciare il campo per un infortunio muscolare. 52’ Zolfanelli: 6,5 Prova a duettare con Alterini, ma a volte è un po’ precipitoso. Si riscatta però dal dischetto, è suo il rigore che scatena la festa dei ragazzi di Ombroni.

ARBITRO
Cinque di Firenze: 5/6
Lascia più di un dubbio il penalty assegnato alla Vigor e poi fallito e la valutazione di alcuni interventi nel finale di partita.

Tommaso Gamannossi e Andrea Anforini



Questa notizia proviene da Calciopiu.net
http://www.calciopiu.net/portal

L'indirizzo di questa notizia è:
http://www.calciopiu.net/portal/article.php?storyid=10235