Login
Menu principale
Gold Partners









S.G.S. : Trofeo Toscana - L'ultima giornata delle qualificazioni
Inviato da Gabriele Fredianelli il 3/4/2014 9:34:38 (860 letture)
S.G.S.

Si è giocato ieri l'ultimo turno dei gironi di qualificazione del Trofeo Toscana per le rappresentative provinciali. Alle semifinali, in programma per mercoledì 16 aprile al campo delle...

Due Strade a Firenze, doppia sfida Firenze-Pisa, oltre agli abbinamenti Arezzo-Lucca nei Giovanissimi e Siena-Livorno negli Allievi.
Di seguito il riepilogo e le cronache di alcune gare.

Allievi B
Girone A
Pistoia-Arezzo 2-1
Siena-Prato 3-2
Classifica: Firenze 10, Siena 8, Arezzo 4, Pistoia e Prato 3.
Girone B
Grosseto-Lucca 3-5
Pisa-Massa Carrara 3-2
Classifica: Livorno (d.r. +6), Pisa (d.r. +6) e Lucca (d.r. +3) 9, Grosseto 3, Massa Carrara 0.
Semifinali: Firenze-Pisa, Livorno-Siena

Giovanissimi B
Girone A
Pistoia-Arezzo 1–3
Siena-Prato 0-1
Classifica: Firenze 12, Arezzo 9, Pistoia 6, Prato 3, Siena 0.
Girone B
Grosseto-Lucca 0–5
Pisa-Massa Carrara 3–0
Classifica: Lucca 9, Pisa (d.r. +5), Livorno (d.r. +2) e Massa Carrara (d.r. -2) 6, Grosseto 0.
Semifinali: Firenze-Pisa, Lucca-Arezzo

Allievi
Pistoia – Arezzo 2-1
PISTOIA: Morini, Russo, Giacomelli, Tondini, Gammuto, Karahoxha, Sisma, Bortoletti, Vacca, Sanchez, Di Cagno. A disp.: Galligani, Spatola, Cangiano, Petracchi, Mazzanti, Nappini, Magnolfi, Pagnini. Sel. Marco Teglia
AREZZO: Coppi, Gallerini, Aquilano, Ioio, Santamaria, Minocci, Ermini, Autiero, Camilloni, Mercati, Narcis. A disp.: Donnini, Bichi, Sangali, De Conno, Poggesi Elia, Poggesi Giona. Sel. Giacomo Falsini
ARBITRO: Federico Carlo di Prato
RETI: 45’ rig. Mercati, 50’ rig. Vacca, 82’ Cangiano.
A conti fatti un successo aretino non sarebbe stato sufficiente per passare il turno, data la vittoria di Siena nei minuti di recupero. Ad ogni modo la rappresentativa di Falsini è stata qualificata virtualmente per soli 5 minuti, tra il 45’ e il 50’, quando anche il risultato sull’altro fronte risultava favorevole, e questo non può rendere fieri i ragazzi ospiti, autori di un secondo tempo estremamente deludente. Per quanto visto in campo, specie nella ripresa, la vittoria di Pistoia, che abbandona così quell’immeritato zero in classifica, ci sta tutta: nell’ultima mezzora è stato un assedio arancione, con gli aretini incapaci di calciare in porta. E sì che il primo tempo era stato appannaggio degli ospiti, incapaci tuttavia di finalizzare. Già al 3’, in contemporanea col subitaneo vantaggio pratese a Gracciano che certo non dispiace ad Arezzo, palla filtrante di Narcis per Camilloni, Morini risponde sicuro. Passano due minuti e la conclusione a rete stavolta è di Mercati, con la palla che rotola fuori. Calciano ancora prima Camilloni, poi Mercati, ma la porta pistoiese pare stregata. E’ il copione che ci si aspettava: Arezzo deve vincere e attacca con veemenza e criterio contro Pistoia già fuori dai giochi. Quinta conclusione a rete nei primi 18’ da parte della squadra di Falsini: azione Narcis-Camilloni, va al tiro Autiero, palla ancora una volta intercettata da Morini. Suona la carica sul fronte opposto Sanchez, che trascina i suoi dando l’impressione di poter finalizzare il lavoro dei compagni, ma al tiro va ancora Autiero, dal limite, e la storia si ripete con la sfera che finisce tra i guanti di Morini. Il finale di frazione è di marca arancione: prima Sanchez parte in velocità, ma si allunga troppo la sfera, poi sempre lui, proprio al 40’, si porta al tiro, chiamando alla parata Coppi. L’arbitro fischia il riposo, nel frattempo suona il telefono: pareggio di Siena, all’intervallo classifica invariata. La ripresa si apre con la pressione aretina che vale un rigore indiscusso: batte Mercati, Morini stavolta alza bandiera bianca. A questo promettente inizio seguirà, nel corso dei successivi 40 minuti, un deludente zero nel conto delle occasioni da rete. Pistoia infatti si riversa all’attacco e non cede più di un centimetro. L’immediata risposta è affidata a Bortoletti, che chiama alla deviazione in angolo Coppi. Sugli sviluppi Sisma è trattenuto e anche stavolta l’arbitro indica il dischetto. Batte Ciro Vacca, che firma il pareggio. La reazione di Arezzo dura un minuto, il tempo di un’uscita avventata di Morini di cui nessun avanti ospite però approfitta. Pistoia prende definitivamente possesso del centrocampo, e crea occasioni continue contro Arezzo che invece rincula pericolosamente e non riesce più a uscire. Gammuto, Bortoletti, Sisma, poi Mazzei, Magnolfi, Spatola, recuperano palloni e li fanno girare con sapienza e ogni verticalizzazione porta a un’occasione da rete: prima Magnolfi imbecca Pagnini che calcia forte, cogliendo la faccia interna della traversa, poi Santamaria rimpalla un tiro di Bortolotti. La notizia del nuovo vantaggio pratese è nota, ma Arezzo non riesce proprio a reagire, le palle messe profonde a tagliare da parte di Minocci trovano sempre attenti i difensori pistoiesi, che fanno ripartire l’azione. Magnolfi ha due palle gol nitide tra 65’ e 68’, poi al 72’ serve un assist a Spatola, che calcia, trovando la deviazione di Bichi. Siena pareggia, la notizia corre via etere fino a raggiungere la panchina aretina, ma il finale di gara, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, prosegue sulla falsariga della precedente mezzora. Così a cavallo del fischio finale Cangiano ci prova due volte, la seconda di testa su cross di Karahoxha: e stavolta la palla entra, proprio mentre Siena sigla il vantaggio definitivo a Gracciano. E’ il gameover per Arezzo, che ha fallito proprio l’appuntamento decisivo: dopo una buona prima frazione, la ripresa ha visto gli ospiti timorosi, impacciati, incapaci di creare occasioni da rete, malgrado i pezzo da novanta schierati davanti, gli stessi che avevano fatto ballare la difesa arancione nella prima parte di gara e le altre squadre nelle precedenti partite. E alla fine allora interpretiamo le facce scure degli aretini come avvolte dalla delusione, mentre il rammarico resta a Pistoia: se la squadra di Marco Teglia avesse giocato così contro Prato alla prima giornata forse saremmo a parlare di un altro finale.
Claudio Costagli

Siena-Prato 3-2
SIENA: Allegri (Valdorcia), Filacchioni (Poggibonsese), Tramonte (Gracciano), Boschini (Sangimignano), Torricelli (Valentino Mazzola), Cicino (Asta Taverne), Fontani (Valentino Mazzola), Bisconti (Amiata), Buti (Amiata), Serafini (Pianese), Beqiraj (Valentino Mazzola). A disp.: Pallari (Asta Taverne), Lombardi (Sinalunghese), Vanni (Gracciano), Riotto (Gracciano), Mabrouk (Amiata), Cavuoti (Poggibonsese), Giusti (Sinalunghese), Sardone (San Miniato), Mersi (Monteriggioni). Selezionatore: Franco Rizzuto.
PRATO: Puggelli (Zenith Audax), Mancini (Jolly Montemurlo), Nicolamarino (Galcianese), Cozzi (Jolly Montemurlo), Giagnoni (Coiano Santa Lucia), Fantozzi (Maliseti Tobbianese), Lanzini (Coiano Santa Lucia), Gianassi (Jolly Montemurlo), Ceccarini (Maliseti Tobbianese), Drago (Coiano Santa Lucia), Confietto (Zenith Audax). A disp.: Certo (Galcianese), Noferini (Mezzana), Tardelli (Vaianese Impavida Vernio), Di Fonso (C.F.2001), Cascio (Galcianese), Carone (Zenith Audax), Bucaioni (Calenzano), Mariotti (Maliseti Tobbianese), Chelini (Mezzana). Selezionatore: Stefano Guarducci.
ARBITRO: Giuffrè di Empoli.
RETI: 1’ Gianassi, 43’ rig., 63’ Buti, 58’ Ceccarini, 82’ Lombardi.
Lottata strenuamente fino al termine, con la qualificazione in bilico (le due selezioni impegnate nel confronto diretto e Arezzo che gioca a Pistoia contro i ragazzi di Marco Teglia), la partita giocata a Gracciano è stata un susseguirsi di episodi e di emozioni e alla fine ha consegnato le semifinali alla rappresentativa senese guidata da Franco Rizzuto. Inizia col piglio giusto la squadra di Guarducci che dopo un minuto passa in vantaggio con una rocambolesca deviazione di Gianassi. Cerca di reagire la formazione di casa ma la conclusione di Drago al 10’ crea più di un problema alla formazione bianconera. Il portiere laniero Puggelli sbaglia il rinvio che finisce addosso a Fontani, per fortuna di Prato, la conclusione del giocatore senese viene deviata dall’estremo avversario che si riscatta nell’occasione. Spinge Siena che cresce col passare dei minuti ma sul piano delle occasioni, sono sempre i lanieri a farsi preferire e a rendersi pericolosi in contropiede con le conclusioni di Drago e Ceccarini, protagonista di una gara da incorniciare al centro dell’attacco pratese. Tempo passato da due minuti quando per un fallo di mano commesso da un difensore pratese, Giuffre di Empoli assegna la massima punizione a Siena, va sul dischetto Buti che trasforma e porta così in parità la sua squadra all’intervallo. Ripresa. Mentre arrivano notizie confortanti sull’altra gara in programma fra Pistoia e Arezzo, con il pareggio dei padroni di casa, la partita si infiamma, saltano le marcature e le due squadre vogliono vincere il confronto. Al 58’ nuovamente in vantaggio la formazione di Prato con il gol di testa realizzato da sotto misura da Ceccarini, poi inopinatamente in un’azione di disimpegno, nuovo pareggio al 63’ dei padroni di casa in contropiede con il gol del 2-2 messo a segno da Alessio Buti. Sostituzioni da una parte e dall’altra, finale alla baionetta, occasioni non concretizzate da Prato con Ceccarini e Carone che hanno sui piedi la palla del successo, poi in pieno recupero, Siena può esultare e passare il turno con la realizzazione di Francesco Lombardi che chiude il conto e realizza il gol del 3-2 con il quale si chiude la gara.
Calciatoripiù: Buti (Siena), Ceccarini (Prato).
Alessio Facchini

Giovanissimi
Pistoia – Arezzo 1-3
PISTOIA: Leonessi, Damiri, Lullo, Maccioni, Sali, Garbati, Martini, Baldaccini, Mancini, Todoran, Bequiri. A disp.: Niccolini, Nencini, Caselli, Rindi, Colarusso, Chiti, Gaggioli, Chiella, Mazzei. Sel. Giancarlo Belpassi
AREZZO: Tegli, Nuzzi, Contemori, Baglioni, De Angelis, Buliuta, Crocini, Chioccioli, Boldrini, Giorgi, Pugliese. A disp.. Massini, Vicidomini, Vichi, Lusini, Marraghini, Gerardini. Sel. Fabio Butteri
ARBITRO: Papi di Prato
RETI: 7’,35’ Boldrini, 60’ Crocini, 65’ Caselli.
Quello che doveva essere uno spareggio per l’accesso alla semifinale finisce col netto successo di Arezzo, squadra che ha mostrato superiori valori individuali e di squadra. Certo è che se l’arbitro non avesse annullato il gol di Mancini dopo tre minuti, magari l’esito sarebbe stato diverso. Pistoia infatti segna immediatamente, ma il direttore di gara, a palla entrata, fischia un fallo in attacco: poche le proteste, ma il dubbio sulla regolarità della rete e sui tempi della decisione restano. Passano quattro minuti e Boldrini risolve un rimpallo su calcio d’angolo, con la difesa di casa poco reattiva: 0-1. La squadra ospite, che adesso dovrebbe subire due reti per essere eliminata, vuole chiudere subito la pratica e ci va vicina con Pugliese che colpisce di testa in area, con la palla che esce a fil di palo. Si porta al tiro anche Giorgi, poi prende un po’ campo Pistoia che ci prova prima con uno spunto personale di Lullo, poi con un tiro dal limite di Bequiri, infine con un’iniziativa di Mancini. Proprio allo scadere raddoppia ancora Boldrini, che mette al sicuro la qualificazione; la reazione arancione prima dell’intervallo è affidata a Mancini, ma è senza esito. La ripresa vede Arezzo capace di conservare il vantaggio, rintuzzando ogni tentativo della squadra di casa, che però va vicina al gol che riaprirebbe la partita, quando Rindi dal limite coglie la traversa. Niente di fatto, mentre sul fronte opposto Crocini è così ispirato da trovare il 3-0 al 60’. Finale movimentato dalla rete di Caselli, ultimi assalti pistoiesi affidati al piede di Colarusso, murato. L’impressione di superiorità offerta dalla squadra ospite si può ricondurre ad una fisicità superiore, ma anche all’esperienza acquisita da gran parte della rosa nei campionati regionali, a differenza della maggior parte dei giocatori di casa. Butteri ha puntato su forza e testa, schierando una squadra molto equilibrata con interpreti adeguati e forti: ci sono piaciuti molto il terzino del Montevarchi Nuzzi, il centrale castiglionese De Angelis, il suo omologo del Chimera Buliuta, la punta bibbienese Boldrini, l’incursore del Santa Firmina Crocini, senza voler far torto agli altri ottimi interpeti. Per Pistoia buone le individualità: nota particolare per i terzini, il pesciatino Damiri e il monsummanese Lullo, per i centrocampisti Baldaccini e Maccioni, per l’esterno del Capostrada Mazzei, entrato nella ripresa, per la punta Caselli. Discreta anche la squadra, che però non è riuscita a fare la partita e a trovare spazi nei momenti topici, subendo in ambo le fasi negli uno contro uno.
Claudio Costagli

Siena – Prato 0-1
SIENA: Falessi (Pianese), Sulo (Policras Sovicille), Sorrentino (Big Blu Gracciano), Rabazzi (Valdorcia), Magazzini (Poggibonsese), Casucci (Poliziana), Donati (Big Blu Gracciano), Gaaloul (Poggibonsese), Senesi (Valentino Mazzola), Varone (Big Blu Gracciano), Bruni (Valentino Mazzola). A disp.: Bruni (Valentino Mazzola), Cappelli (Valdorcia), Finucci (Valdorcia),
Senesi (Valentino Mazzola), Furno (Poggibonsese), Del Segato (Pianese), Balje (Policras Sovicille), Magrini (Green Team), Biagi (Siena Nord). Selezionatore: Fabrizio Scarpellini.
PRATO: Campana (Poggio a Caiano), Livatino (Pietà 2004), Cortonesi (Jolly Montemurlo), Da Costa (Coiano Santa Lucia), Tisi (Maliseti), Chiriconi (Pietà 2004), Tonelli (Calenzano), Sarchielli (Jolly Montemurlo), Rinaldi (Coiano Santa Lucia), Batacchi (Maliseti Tobbianese), Traversi (Jolly Montemurlo). A disp.: Villani (Coiano Santa Lucia), Rosati (Zenith Audax), Paolini (Poggio a Caiano), Marchetti (Calenzano), Colonna (Zenith Audax), Riccardi (La Querce), Lotti (Pietà 2004). Selezionatore: Antonio Cascio.
ARBITRO: Echegdali di Empoli.
RETE: 65’ Traversi.
Blando il primo tempo concluso senza reti e senza particolari emozioni, vivace e frizzante invece il secondo tempo che vede il successo della formazione ospite grazie al gol (contestato vivacemente dai padroni di casa per la posizione ritenuta irregolare del marcatore) messo a segno a pochi minuti dal termine da Mattia Traversi. Si fronteggiano nei primi minuti le due squadre sviluppando il proprio gioco a centrocampo, la prima opportunità capita ai bianconeri locali con la conclusione pericolosa di Vittorio Donati. Sicuro il portiere pratese Campana, buona tutta la prestazione della difesa laniera in questa fase della gara. Sul punteggio a reti inviolate si chiude il primo tempo. Ripresa. Sostituzioni da una parte e dall’altra e squadre che cercano di superarsi per ottenere il platonico ma importante primo successo nel girone. Si rende maggiormente pericolosa la squadra di Fabrizio Scarpellini ma Prato non è da meno e in contropiede cerca di creare qualche problema alla retroguardia avversaria. L’equilibrio viene “rotto” dal gol di Traversi e nel convulso finale, i padroni di casa sfiorano il pareggio, recriminano per alcune decisioni arbitrali ma sono i ragazzini di Cascio a fine gara ad esultare e a vincere il confronto di Gracciano.
Calciatoripiù: Donati, Senesi (Siena), Campana, Traversi (Prato).
Alfa

Stampa questo articolo Invia questo articolo a un amico



Cerca
Eventi & Servizi
Sondaggi
Argomenti notizie
Utenti Online
1 utenti online

Iscritti: 0
Semplici visitatori: 1

Altro...
Previsioni Meteo

Cliccando sulla cartina si aprirà una finestra: selezionate area e città per tutti i dettagli



Info generali | Copyright | Info Privacy | Disclaimer | Regolamento | Contatti

© 2000- Calciopiù - Progresso 3 S.r.l. | Sede legale: Via G. Caselli, 14 - 50131 Firenze
CF e Num. iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze: 03186910489 - Capitale sociale: 10.500,00 €
Telefono: +39.055.575761 - Fax: +39.055.579884 - Indirizzo e-mail: info@calciopiu.net

Web Manager: Lorenzo Berti - Design by Lorenzo Berti & SevenDays Design