Login
Menu principale
Banner SX









Indice del forum Calciopiu.net
   Dilettanti
     Seconda categoria girone I & h
Registrati per inviare messaggi

| I più vecchi prima Discussione precedente | Discussione successiva | In fondo
Autore Thread
assivirtus
Inviato il: 13/2/2018 22:57
Esordiente
Joined: 11/12/2017
Da:
Messaggi: 14
Re: Seconda categoria girone I & h
Sei in: Archivio > la Repubblica.it > 2007 > 02 > 10 > Bancarotta Romanelli accu...
Bancarotta Romanelli accuse al segretario Udeur
Torna sotto i riflettori della giustizia la triste parabola della Banca Romanelli, nata l' 8 aprile 2002 senza l' autorizzazione della Banca d' Italia e crollata il 20 marzo 2003 trascinando nel disastro un migliaio di clienti. E' cominciata ieri davanti al giudice Gaetano Magnelli l' udienza preliminare per la discussione dei reati di bancarotta contestati non solo ai tre fratelli Massimo, Paolo ed Elena Romanelli, consiglieri della finanziaria e della banca che portavano il loro nome, ma anche ad alcuni collaboratori e ai sindaci revisori delle due società. Fra di loro figurano esponenti di rilievo della politica locale, come il dottor Maurizio Mancianti, già nota figura della Democrazia Cristiana e oggi segretario provinciale e referente regionale dell' Udeur, il dottor Nicola Ermini, a suo tempo garante della campagna elettorale del senatore della Margherita Lamberto Dini, e il consigliere comunale di An a Scandicci Giovanni Bellosi. Massimo Romanelli e i suoi fratelli Paolo ed Elena sono già stati condannati in primo grado per esercizio abusivo dell' attività bancaria. Hanno sempre sostenuto con forza la loro buona fede e il loro buon diritto di creare una banca. Ora devono affrontare un nuovo processo e per farlo hanno chiesto l' ammissione al gratuito patrocinio, affermando di non disporre più di alcun mezzo proprio. Oltre alle accuse di bancarotta, il pm Gianni Tei contesta a Romanelli anche alcuni episodi di usura. In un caso, secondo le accuse, a farne le spese è stato un artigiano che, per far fronte a tassi di interesse di oltre il 40%, ha perduto la sua carrozzeria, e che ora si è costituito parte civile con l' avvocato Giovanni Merli. Contro i fratelli Romanelli si sono costituiti anche i curatori fallimentari della finanziaria e della banca, rappresentati dall' avvocato Pier Matteo Lucibello. Secondo le accuse, il crac delle due società, per oltre 32 milioni di euro, è l' effetto di operazioni dolose o gravemente imprudenti e di macroscopici falsi in bilancio avallati o negligentemente ignorati dai sindaci revisori. Fra il ' 98 e il giugno 2001 la finanziaria, sebbene fosse legittimata, in ragione del capitale sottoscritto e degli immobili conferiti a garanzia, ad emettere obbligazioni per una somma non superiore ai 2,7 miliardi, emise warrant per oltre 50 miliardi di lire. Per anni - sostiene ancora l' accusa - i tre fratelli Romanelli, con l' aiuto dei sindaci revisori, hanno dissimulato lo stato di dissesto della finanziaria, hanno compiuto operazioni gravemente imprudenti costituendo la banca senza l' autorizzazione della Banca d' Italia, con conferimenti sovrastimati e accollandole i debiti della finanziaria, e in tal modo pregiudicandone sin dall' inizio la potenziale redditività. Ieri tre degli imputati, con gli avvocati Francesco Maresca, Federico Bagattini e Lara Curandai, hanno chiesto di essere giudicati in abbreviato. Il pm Tei ha chiesto il rinvio a giudizio dei fratelli Romanelli e di tutti i sindaci revisori, che per voce degli avvocati Nino D' Avirro, Gaetano Berni e Sigfrido Fenyes contestano le accuse. In particolare l' avvocato D' Avirro sostiene che Maurizio Mancianti fu solo formalmente membro del collegio sindacale e non partecipò mai ad alcuna riunione. L' udienza è stata rinviata al 16 e 17 maggio.

FRANCA SELVATICI
Inviato il: 13/2/2018 22:57
pecora
Inviato il: 13/2/2018 20:44
Allievo
Joined: 15/10/2017
Da:
Messaggi: 45
Re: Seconda categoria girone I & h
Per forza il nostro presidente con la squadra di calcio si è comprato la casa!!!! Chiamalo grullo!!!! Assivirtus datti pace e lasciaci un pace.
assivirtus
Inviato il: 13/2/2018 12:08
Esordiente
Joined: 11/12/2017
Da:
Messaggi: 14
Re: Seconda categoria girone I & h
1 a 7 poco da dire VERGOGNA VERGOGNA ANCORA VERGOGNA.....Pecora 28 punti ma nel mondo del calcio mi dicono tu sia pieno di debiti....Meglio in TERZA SANI CHE IN SEVONDA SULLA BOCCA DI TUTTI.
Redblues
Inviato il: 12/2/2018 13:01
Juniores
Joined: 18/9/2017
Da:
Messaggi: 54
Re: Seconda categoria girone I & h
Due reti quelle di Tumminaro e Lascialfari che da sole valgono il prezzo del biglietto (Tumminaro al 10' e 65',Spolveri al 30', Lascialfari all'80').
E pensare che Lascialfari era stato tenuto in panchina,perchè diffidato,molto più utile domenica sul pesante campo, incrocio fra un campo di patate ed una spiaggia,all'Albereta contro il FiSud "B",entra al 75'e va in gol.
pecora
Inviato il: 11/2/2018 19:08
Allievo
Joined: 15/10/2017
Da:
Messaggi: 45
Re: Seconda categoria girone I & h
Anche la Florence è caduta 2 a 1 e il casellina con 28 punti è sempre più vicino alla meta. Partita bellina e buon giocata ma i biancorosso si sono dimostrati più forti. Assivirtus 1 a 7!!!! Giocavate a tennis? IO GIÀ LO SO CHE L ANNO PROSSIMO GIOCHI DI SABATO!!!!REDEBLUS COMPLIMENTI VERAMENTE UN OTTIMO GIRONE DI RITORNO...
FANCULO A TUTTI
pecora
Inviato il: 8/2/2018 9:49
Allievo
Joined: 15/10/2017
Da:
Messaggi: 45
Re: Seconda categoria girone I & h
Torniamo al calcio giocato che è meglio......Assivirtus qua la mano! Cerchiamo di distendere gli animi.....Quello che uno fa o ha fatto nella vita privata lasciamolo fuori dalle nostre discussioni.....Sicuramente non è un santo ma come sappiamo tutti l'argento facile piace a tutti...
assivirtus
Inviato il: 6/2/2018 17:41
Esordiente
Joined: 11/12/2017
Da:
Messaggi: 14
Re: Seconda categoria girone I & h
Ora torniamo al calcio. Ma uno che viene cercato da certi personaggi non può essere pulito anche se venne assolto.
assivirtus
Inviato il: 6/2/2018 17:39
Esordiente
Joined: 11/12/2017
Da:
Messaggi: 14
Re: Seconda categoria girone I & h
Sei in: Archivio > la Repubblica.it > 2005 > 02 > 15 > 'Codici Abi in cambio di ...
'Codici Abi in cambio di danaro' Romanelli accusa, il pm indaga
Niccolò Pontello e i fratelli risparmiatori Giovanni ed Andrea Bellosi avrebbero contattato Massimo Romanelli spiegandogli che in cambio di somme di denaro, alcuni funzionari della Banca d' Italia gli avrebbero fatto avere i codici Abi. Durante la deposizione al processo che lo vede accusato per esercizio abusivo dell' attività bancaria Massimo Romanelli ha raccontato di un presunto tentativo di concussione, facendo immediatamente aprire un' inchiesta sulla vicenda dal pm Gianni Tei, che lo aveva da poco interrogato. Rischia un' accusa di calunnia. Per l' esercizio abusivo il pm ha chiesto per Romanelli una condanna a 3 anni e 10 mesi e per i suoi fratelli Paolo e Elena a 2 anni e sei mesi. La prossima udienza del processo contro l' imprenditore si terrà il 9 maggio prossimo, quando dovrebbe anche arrivare la sentenza. Massimo Romanelli è sotto inchiesta anche per bancarotta fraudolenta, per il crac della sua finanziaria e della stessa banca, sulla cui mancata autorizzazione è incentrato il processo in corso.Il colpo di scena arriva quando Massimo Romanelli ha quasi finito la sua lunga deposizione. Dopo oltre tre ore di risposte al pubblico ministero e agli avvocati, l' imprenditore accusato con i fratelli Paolo ed Elena di esercizio abusivo dell' attività bancaria racconta in aula cosa sarebbe successo poco dopo la mancata concessione dei codici Abi da parte della Banca D' Italia. Spiega di essere stato da contattato Niccolò Pontello e dai fratelli risparmiatori Giovanni ed Andrea Bellosi che gli hanno spiegato che in cambio di somme di denaro alcuni funzionari della Banca d' Italia gli avrebbero fatto avere i codici. Inutile il tentativo degli avvocati di Romanelli, Francesca Cipriani e Samul Stampigli, che in quel momento lo stavano interrogando, di fermarlo: il pubblico ministero Gianni Tei ha chiesto al giudice la trascrizione della deposizione per aprire un' inchiesta. L' accusa dell' imprenditore evoca il reato di concussione, o viceversa espone lo stesso Romanelli al rischio di un nuovo procedimento penale, per calunnia. «Non ho tirato fuori quei soldi - ha proseguito Romanelli - Ho parlato della proposta all' avvocato Lamberti e l' ho incaricato di fare indagini difensive». Anche senza le rivelazioni inattese, la cui veridicità sarà approfondita in seguito, quella di ieri è stata comunque la giornata di Massimo Romanelli. Ha parlato per ore, rispondendo all' avvocato di parte civile Felice Cecchi - che rappresenta alcune delle persone danneggiate dal crac della banca non autorizzata e della finanziaria di famiglia, fallite nel 2002, per circa 30 milioni di euro - a quello della Banca d' Italia Stefania Ceci e al pm Tei, che alla fine ha chiesto per lui una condanna a 3 anni e 10 mesi, per i fratelli Paolo e Elena a 2 anni e sei mesi e per il consulente grafologo di Romanelli, difeso dall' avvocato Filippo Cei, 10 mesi con la sospensione condizionale. Romanelli ha ricordato anche ieri di avere chiesto a Bankitalia l' autorizzazione ad esercitare attività bancaria, autorizzazione che sarebbe arrivata secondo lui per silenzio-assenso, come dimostra il fatto di aver ricevuto l' omologa, autorizzazione del tribunale di Firenze necessaria a svolgere l' attività imprenditoriale. Tra l' altro, e il documento è stato allegato ieri al fascicolo del processo di Firenze, l' indagine per falso aperta a Genova contro i giudici che nell' ottobre 2000 avevano rilasciato l' omologa, fra cui Sebastiano Puliga, è stata archiviata: a dimostrazione, secondo la difesa di Romanelli, che quell' autorizzazione all' attività bancaria c' era. Una circostanza che il dirigente di Bankitalia Luigi Donato nel marzo scorso durante un' altra udienza del processo aveva smentito, dichiarando di aver firmato lui stesso il diniego ad esercitare l' attività. Proprio per questo non è mai arrivato il codice Abi. La prossima udienza del processo, in cui è prevista la sentenza, è stata fissata per il 9 maggio. Romanelli, che nel marzo 2004 è stato condannato in primo grado per usura, al momento è sotto inchiesta anche per il reato di bancarotta fraudolenta, legato al crollo delle sue attività finanziarie e bancarie.

MICHELE BOCCI
Redblues
Inviato il: 6/2/2018 13:14
Juniores
Joined: 18/9/2017
Da:
Messaggi: 54
Re: Seconda categoria girone I & h
Pecora, non ti allargare troppo. Siamo avversari.
Naturalmente scherzo : porte aperte a chi parla di calcio. Anzi direi di estendere l'invito ,come ospite, anche a Sandrocois, sarebbe l'occasione per spiegare meglio alcune cose.
Per l'amico della Laurenziana (fra l'altro non avete sfigurato da noi) : circa la partita ns. con Il Casellina , bruciava più la sconfitta (per come era avvenuta) anzichè l'episodio sgradevole che ho ritenuto dare più importanza allo svolgimento della partita piuttosto che dare l'impressione di arrampicarsi sugli specchi...
Forza ragazzi però adesso onorate fino in fondo il campionato...almeno fino alla penultima partita.
pecora
Inviato il: 6/2/2018 10:49
Allievo
Joined: 15/10/2017
Da:
Messaggi: 45
Re: Seconda categoria girone I & h
Inviterei a parlare di calcio giocato e basta....Chi non ha scheletri nell'armadio?.....Poi se voleva fregare una banca faceva proprio bene!!!! Sul trombare mi sto organizzando per la prossima stagione il Sabato visto che la mia ganza è della zona di Firenze nuova e il marito va sempre a vedere la squadra locale....
Si scherza ovviamente
(1) 2 3 4 ... 25 »
| I più vecchi prima Discussione precedente | Discussione successiva | Top

Registrati per inviare messaggi
 




Info generali | Copyright | Info Privacy | Disclaimer | Regolamento | Contatti

© 2000- Calciopiù - Progresso 3 S.r.l. | Sede legale: Via G. Caselli, 14 - 50131 Firenze
CF e Num. iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze: 03186910489 - Capitale sociale: 10.500,00 €
Telefono: +39.055.575761 - Fax: +39.055.579884 - Indirizzo e-mail: info@calciopiu.net

Web Manager: Lorenzo Berti - Design by Lorenzo Berti & SevenDays Design